Sony – Quasi fatta per l’acquisizione di Crunchyroll

Mercoledì 9 il servizio di streaming anime Crunchyroll ha annunciato che verrà acquisito da Funimation Global Group di Sony. Anche il sito web di Funimation ha confermato l’acquisizione.

Sony ha reso noto che il prezzo dell’acquisizione è di 971,7 milioni di euro, che pagherà alla chiusura dell’affare. Nessuno delle società ha fornito ulteriori dettagli sull’acquisizione e l’accordo è ancora in attesa di approvazioni delle normative e altre condizioni.

Il Nikkei Asia, questo ottobre, aveva riportato che Sony era nella fase finale delle trattative per l’acquisizione di Crunchyroll. Il quotidiano, al tempo, aveva riportato anche che “Sony potrebbe concludere la trattativa spendendo più di 100 miliardi di yen (790 milioni di euro)”.

Il sito web tecnologico The Information ha riportato in agosto che AT&T ha offerto Crunchyroll a Sony per 1,5 miliardi di dollari. The Information hanno quindi dichiarato che Sony avrebbe “esitato” dinanzi alla proposta. Variety, ha poi riportato che AT&T aveva fissato un prezzo di richiesta di almeno 1 miliardo di dollari per la vendita di Crunchyroll e stava proponendo l’acquisto dell’azienda a nuovi potenziali acquirenti.

La storia di Crunchyroll

Crunchyroll è stato lanciato nel 2006 come servizio di streaming che offre titoli anime senza autorizzazione. Il sito web è stato poi finanziato con 4,05 milioni di dollari ed ha iniziato ad acquisire licenze degli anime per lo streaming nel 2008.

Il Gruppo Chernin ha acquisito la quota di maggioranza di Crunchyroll nel dicembre 2013, e insieme a AT&T hanno costituito la joint venture Otter Media nel 2014. AT&T ha poi annunciato nell’agosto 2018 di aver acquisito tutte le quote di Otter Media.

Il servizio ha raggiunto più di un milione di abbonati a febbraio 2017 e più di due milioni di abbonati nell’ottobre 2018.

A settembre del 2019, Crunchyroll ha acquisito le quote di maggioranza di Viz Media Europa, entrando in possesso anche di Kazé.

La Storia di Sony con i servizi di streaming anime.

Sony Pictures Television e Aniplex detengono tre importanti società di acquisizione e distribuzione di anime al di fuori del Giappone, ovvero: Funimation con sede negli Stati Uniti, Wakanim con sede in Francia e Madman Anime Group con sede in Australia.
Sony Pictures Television Networks acquistò una quota di maggioranza in Funimation per 143 milioni di dollari nel 2017. Funimation ha terminato la sua partnership di condivisione dei contenuti con Crunchyroll nel novembre 2018, per poi firmare un accordo di streaming first-look con Hulu nel dicembre 2018.
Oltre a Funimation, Sony possiede le società sussidiarie di produzione anime A-1 Pictures e CloverWorks tramite Aniplex.
Lo scorso maggio il presidente Kenichiro Yoshida ha dichiarato che il conglomerato giapponese vuole contribuire alla distribuzione dell’animazione giapponese in tutto il mondo.

Michele Annunziata

Sono Michele, uno studente universitario che nel tempo libero si dedica ai videogame, alle lettura di manga e alla visione di anime. L'amore per il mondo nerd è nato con Dragon Ball su Italia 1 e la Playstation One. Solo al liceo, grazie ad un amico, ho scoperto che dietro alla maggior parte degli anime si celava un manga e da li è iniziata la mia "rovina". Con gli anni ho coltivato sempre di più questa passione che ha portato a farmi notare da un giornale a tema (ComixIsland) ed a scrivere per loro fino ad oggi. Mi piace leggere per lo più shonen e seinen in ambito manga e negli ultimi anni mi sono interessato ad opere di autori italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.