Festività nazionali di Settembre in Giappone: la Festa degli Anziani

festività
Crediti per l’immagine : kiya jin via Flickr

Come ogni paese al mondo, anche il Giappone ha delle proprie tradizioni e festività particolari, che cadono in giorni specifici dell’anno, che si festeggiano in innumerevoli modi e le cui emozioni lasciano un meraviglioso ricordo nel cuore delle persone.

Dato che da qualche giorno è incominciato Settembre, in questo articolo scopriremo la prima delle due principali ricorrenze del suddetto mese :

Keirō no Hi 敬老の日 — Festa degli anziani o dei nonni
festività
Crediti : Russ M via Flickr

I giapponesi non la chiamano comunemente “Festa dei nonni”, come quella che celebriamo noi italiani e che cade il 2 Ottobre, bensì Keirō no Hi敬老の日, i cui kanji che compongono la parola significano “Giornata del rispetto degli anziani” (敬 “kei けい” “rispetto”, 老 “rou ろう” “persone anziane, anziani”, の日 “no hi のひ” “giorno / giornata di”).

Non vengono celebrati solamente i propri nonni, ma tutte le persone anziane, per questo la si definisce una festa pubblica nazionale. Quest’anno ricorre il 20 Settembre, il terzo lunedì del mese, ma c’è una storia dietro questa data.

E’ nata nel 1947 nella città di Taka-cho (anticamente Nomadani-mura), nella prefettura di Hyōgo, che scelse il 15 Settembre per il Toshiyori no Hi 年寄り (lett. Giorno degli anziani), quando sotto suggerimento dell’allora sindaco venne organizzato un raduno di anziani che avevano molto da raccontare ai membri più giovani della città.

La sua popolarità si diffuse al punto da divenire una festività nazionale nel 1966, momento reso ancora più importante per il fatto che in quegli anni il Giappone era entrato nel periodo del dopo-guerra e sentiva la necessità di esaltare le proprie tradizioni; ma dal 1998 al 2001 sono state apportate una serie di modifiche alla legge giapponese, le quali hanno deciso di spostare al lunedì la maggior parte delle festività, così che ogni lavoratore avesse a disposizione un giorno in più nel fine settimane dopo 5 giorni lavorativi.

Il sistema di modifiche precedentemente citato prende il nome di “Sistema del Lunedì Felice” (ハッピーマンデー制度, Happī Mandē Seido, le prime due parole in katakana provengono dalla traduzione inglese di “Happy Monday”). Di conseguenza, il Giorno degli anziani è stato spostato al terzo lunedì di Settembre e ha anche cambiato nome.

Il Giappone è un paese molto attaccato alle proprie tradizioni, e quello del rispetto per gli anziani non è affatto un’eccezione, tant’è che lo notiamo anche negli anime o nei manga, con scambi di dialogo tra nonni, saggi, professori oltre la mezza età e nipoti, allievi e studenti che, per quanto possano mostrare un carattere ribelle e irrequieto, non mettono da parte il rispetto e la cortesia verso chi è più grande di loro, poichè figure da cui attingere, imparare grandi e permanenti lezioni di vita, e quanto sia importante prendersi cura di se stessi per godere di una vita lunga e piena.

Ultimo appunto, ogni 6 anni si verifica quella che viene chiamata “Settimana d’Argento”, cioè una settimana con tre vacanze consecutive dal lunedì al mercoledì. Quest’anno il Giorno degli anziani cade il 20 Settembre mentre la Festa dell’Equinozio di Autunno il 23, seguiti dal weekend feriale, quindi anziché 4 giorni di vacanza, questi si prolungheranno per tutta la settimana. Perché “d’argento”? Perché è comune usare il termine per riferirsi alla capigliatura argentea degli anziani!

festività
Maestro Muten di Dragon Ball
festività
Yubaba di La città incantata
festività
Heidi e il nonno
Come si festeggia il Giorno degli Anziani

Dal 1983, il governo giapponese dona una coppa d’argento commemorativa di sake ai giapponesi che raggiungono l’età di 100 anni, anche se tale usanza è stata limata col tempo, perché il numero dei giapponesi over 60 ha raggiunto livelli sempre più alti nel corso degli anni, infatti il Giappone vanta uno dei tassi di anzianità più alti al mondo. Col tempo quindi, per contenere i costi, l’argento è stato sostituito dal nichel, più economico, accompagnato da una lettera di congratulazioni direttamente dal Primo Ministro.

Non era possibile continuare a distribuire coppe d’argento, per via della necessità di dimezzare il numero dei costi ; invece, l’argento è stato sostituito dal nichel, più economico, accompagnato da una lettera di congratulazioni direttamente dal Primo Ministro.

Forse risulterà un’occorrenza alquanto strana per gli occidentali – che magari, al posto di una lettera dal Primo Ministro, festeggiano in grande con amici e parenti, una torta con candeline da 100 e foto ricordo -, soprattutto in quei paesi dove il tasso di anzianità è più basso, per cui vedere una persona arrivare ai 100 anni e passa non è qualcosa di così usuale, anzi è un vero miracolo.

In questo caso, i giapponesi tendono a far ritorno alle proprie case per visitare e porgere il proprio rispetto agli anziani (quali possono essere genitori, zii, nonni, vicini di casa, eccetera). C’è chi, addirittura, opta per progetti di volontariato nei quartieri, negli ospedali o case di cura preparando e distribuendo bentō agli anziani che si trovano o meno in difficoltà; oppure, altra alternativa è il 敬老会 (けいろうかい, keiroukai), dove il terzo kanji sta per “incontro, festa”, spesso organizzata dai giovani che si sbizzarriscono con idee divertenti e dolci per i propri nonnini (un esempio sono i Manjū 饅頭, dolci di riso tradizionali dalla forma sferica e ripieno di marmellata an, ossia di fagioli azuki) ; infine, non è insolito che in quel giorno vengano trasmessi in televisioni dei programmi o puntate incentrate sugli anziani, magari sono interviste, documentari, consigli di cucina, eccetera.

Potrebbe interessarvi anche: La famiglia : impariamo come chiamare tutti i membri in giapponese!

Se volete rimanere sempre aggiornati su tutte le news e le recensioni, vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.